Progetto Basket ed Autismo: esperienze di integrazione (Novembre 2010)

 Contesto ed obiettivi dello studio/Introduzione. L’articolo presenta i risultati di un’indagine di tipo descrittivo, realizzata all’interno del “Progetto Basket e Autismo”, nato nel 2003 presso l’Associazione Onlus “Il Filo dalla Torre”, che si occupa dell’intervento a favore di persone autistiche, secondo l’approccio P.E.I.A.D. (Progetto Evolutivo Integrato Autismo e Disabilità).

Questo studio ha l’obiettivo di esplorare l’effetto di esperienze di integrazione con i ragazzi normodotati di una squadra professionale di Basket, sul comportamento dei ragazzi autistici, rilevando i cambiamenti che avvengono nelle giornate di integrazione e post-integrazione, rispetto alle giornate di pre-integrazione in cui i ragazzi disabili svolgono gli allenamenti di basket. In particolare, si ipotizza un aumento delle frequenze dei comportamenti adeguati ed una diminuzione delle frequenze dei comportamenti non adeguati, nelle giornate di integrazione e post integrazione.


Metodi utilizzati. Le osservazioni svolte sono di tipo non partecipante e vengono realizzate durante due giornate di integrazione, negli allenamenti di pre e post integrazione, nell’arco temporale di sei mesi. Tutte le esperienze vengono videoregistrate. Gli strumenti utilizzati comprendono griglie di osservazione, costruite appositamente per indagare le capacità relazionali, le modalità di comportamento, le capacità attentive e la reattività emozionale. I dati ricavati dalle osservazioni sono stati riportati in frequenze e analizzati attraverso la costruzione di grafici a linee.


Conclusioni/Prospettive. Dai risultati ottenuti emerge che, nelle giornate di integrazione e post integrazione, aumentano le capacità attentive e gli scambi di interazione, sia con adulti (operatori) che con i coetanei. Attraverso questo studio è stato possibile evidenziare quanto le esperienze di integrazione, realizzate mediante un gioco di squadra (in questo caso, il Basket) consentono ai ragazzi con autismo un miglioramento sul piano del comportamento e della relazione. Per questo, è importante favorire e promuovere l’integrazione dei ragazzi autistici con i coetanei, in modo da sostenerli ad uscire dal proprio isolamento ed offrire loro la possibilità di esprimere le loro capacità.

Visiona il poster

Utilizzando questo sito, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua