Progetto "Crescere aiutando a Crescere"

Negli ultimi anni, il tema dell’inserimento lavorativo delle persone con disabilità psichica è particolarmente affrontato, sul piano legislativo, ma ancora poco attuato, sul piano dell’esperienza e della fattibilità.

Infatti, la Convenzione ONU, su diritti delle persone con disabilità, ratificata dallo Stato italiano con la legge 18/2009, riconosce “il diritto al lavoro delle persone con disabilità, su base di uguaglianza con gli altri; segnatamente il diritto di potersi mantenere attraverso un lavoro liberamente scelto o accettato in un mercato del lavoro e in un ambiente lavorativo aperto, che favorisca l’inclusione e l’accessibilità alle persone con disabilità”.
Tuttavia, ancora oggi, questo diritto non è ancora espresso, e le persona con disabilità psichica e le loro famiglie affrontano, con grande difficoltà, la conclusione del percorso scolastico, senza che vi sia una prospettiva futura concreta.
Questo diventa particolarmente complesso nel caso delle persone con Disturbi dello Spettro Autistico, che richiedono un accompagnamento particolare, che risponda alle loro caratteristiche ed esigenze specifiche.
Quindi, spesso, con la conclusione del ciclo scolastico, le persone con autismo si trovano a non trovare una giusta collocazione: da una parte, non sono presenti Centri Diurni specializzati, dall’altra non possono avere accesso a percorsi di formazione, che tenga conto di un percorso individualizzato.
Per rispondere a questa necessità, dal mese di Febbraio, è attivo il Progetto sperimentale ”Crescere aiutando a Crescere”, realizzato dall’Associazione Il Filo dalla Torre ONLUS, in collaborazione con il IV Municipio di Roma Capitale, all’interno di un finanziamento della Regione Lazio, per il bando “Bene in Comune”.
L’obiettivo del progetto è quello di attivare un’esperienza di tirocinio formativo, a favore di tre ragazzi con Disturbo dello Spettro Autistico, presso asili nido pubblici, all’interno del territorio del IV Municipio, e di elaborare, attraverso questa esperienza, delle buone prassi, che possano sostenere il complesso processo di inserimento lavorativo di giovani adulti con disabilità, attraverso un percorso specifico di tirocinio formativo.
Per raggiungere questo obiettivo, sono stati realizzati diversi step, in modo da realizzare un accompagnamento graduale, non solo della persona con disabilità, ma anche della famiglia e di tutto il contesto, in cui viene realizzato il tirocinio:
- Incontri di valutazione iniziali con i ragazzi coinvolti
- Incontri conoscitivi con la famiglia
- Incontri di formazione del personale scolastico coinvolto nel progetto
- Incontri conoscitivi tra i ragazzi e gli operatori, inseriti nel progetto come tutor ed il personale scolastico
- Incontri, con i genitori dei bambini normotipici inseriti al nido, per illustrare il progetto.
Questi diversi passaggi hanno permesso di accompagnare in modo efficace l’inserimento dei ragazzi nei contesti di tirocinio.
Al momento attuale, il progetto è in corso di realizzazione e a fine Giugno, verranno raccolti, anche mediante l’uso di test e di schede di osservazione, i risultati raggiunti con questo progetto sperimentale, in modo da elaborare una successiva pubblicazione ed orientare esperienze future.

Utilizzando questo sito, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua