A matita siamo tutti uguali